RESILIENZA (Parte 2): Cosa allenare
formazione personale aziendale | formazione aziendale obiettivi | gestione personale azienda

peopleart formazione personale aziendale | formazione aziendale obiettivi | gestione personale azienda RESILIENZA (Parte 2): Cosa allenare

RESILIENZA (Parte 2): Cosa allenare

RESILIENZA (Parte 2): Cosa allenare

 

Lo scorso articolo su questo tema (Parte 1) era focalizzato su cosa fosse la Resilienza ed in quali ambiti poteva essere utile. L’articolo di oggi entra un pò più in dettaglio sugli aspetti che si possono curare per allenarsi ad Essere Resilienti

 

1. Sostenere la motivazione

Torniamo più in dettaglio al Caso 1 visto nella Parte 1, in cui il problema è Sostenere la Motivazione. La previsione o la necessità di un impegno eccedente le iniziali stime può farci passare dalla motivazione alla demotivazione. Anche se permane il desiderio di raggiungere l’obiettivo iniziale, si cessa di perseguirlo.

Cosa distingue persone con questo comportamento di rinuncia rispetto ad altre che riescono a proseguire, e che per questo diciamo Resilienti nella loro motivazione, malgrado i costi crescenti, le deviazioni, gli arresti, le frustrazioni, la fatica, lo stress? 

Sulla base di alcune mie osservazioni dirette (vedi il successivo paragrafo 2), fra gli elementi che sembrano facilitare molto il compito di sostenere la motivazione troviamo:

 

Emozioni, storia e valori – capire quali elementi contribuiscono a motivarci (o demotivarci) e come mai “ci toccano” così tanto. La nostra storia (ad es. altri casi similari), i valori di riferimento o che ci influenzano (diffusi nelle comunità che frequentiamo), le emozioni che ci assalgono sono aree di osservazione che possono rivelare forze o fragilità della motivazione;

Narrazione – legare il nostro passato al presente.  Per capire la recente dinamica fatti-percezioni che hanno portato a demotivarci;

Impegno – nessuna difficoltà può essere superata se non si prende una decisione radicale(un atto di pura volontà, senza alcun incentivo o razionale diverso dalla pura disciplina). Quella di insistere nonostante la fatica ed il momentaneo scoramento. Ce lo dimostra con esempi eclatanti Pietro Trabucchi nel suo libro “Perseverare è umano” (Rif.2);

Perseveranza – nessun risultato arriva subito. Ci vuole pazienza, mentre con l’impegno (il puro sforzo) ci si allena a superare gli ostacoli acquisendo ed affinando le necessarie abilità e competenze

 

In tutte le organizzazioni, si pensa di sostenere la motivazione con incentivi esterni di varia natura (monetari, di carriera, di status, ecc.) e talvolta persino punizioni (es. sanzioni disciplinari). Fra gli elementi appena elencati però non li trovate. 

Infatti, non c’è nessuna evidenza che un incentivo esterno (o la minaccia di una punizione) costituisca un efficace strumento di motivazione (fare leva sull’interesse o sulla paura non vuol dire “motivare” ma condizionare: "se... allora..."). La motivazione, con cui si possono superare ostacoli enormi ed imprevisti, è solo quella che nasce  e si sostiene in sé stessi, per un desiderio interiore che solo in minima parte si riduce al "guadagnare di più" o ad "avere uno status da urlo" (Rif.2, 6, 7 e 8). 

Le organizzazioni dovrebbero focalizzarsi su come aiutare i collaboratori a sostenere l’auto motivazione. Attraverso interventi sul loro contesto operativo (qualità di spazi, supporti, strumenti, ecc.) e sul sistema di relazioni in cui lavorano (compreso lo stile di gestione, l’autonomia di cui godono, ecc.).

I due elementi che costituiscono il maggiore ostacolo sono il dover perseverare (pazientare in attesa del risultato) e il doversi impegnare (in parole povere: fare fatica). A ben osservare, sono anche i due elementi che la cultura odierna tende a farci accantonare. Tutti sembrano dirci:

  • Tutto va troppo veloce per pazientare. Se non si riesce subito, meglio passare ad altro. Attardarsi comporta il rischio di diventare obsoleti;
  • Tutto è molto incerto ed imprevedibile, e vengono richiesti risultati in tempi sempre più ridotti. Impegnarsi troppo su di un fronte sottrae risorse per presidiarne altri. Inoltre fa sfuggire i risultati più immediati, che premiano subito.

Salvo poi non sapere cosa fare quando: in un caso "non abbiamo possibilità di passare ad altro" e nell’altro "ci rendiamo conto che la vita che viviamo non-è-la-nostra"

Questo approccio finisce per costituire una vera e propria Strategia dell’Evitamento di tutti quei fattori che richiedono tempo ed attenzione e di tutti i comportamenti/ capacità che non sono superficiali. Strategia che costituisce l’opposto di un allenamento a migliorare la Resilienza della propria motivazione di fronte ad ostacoli, difficoltà ed imprevisti (Rif.2).

 

2. Ancora sul sostenere la motivazione - Alcune esperienze dirette 

Sulla base delle mie esperienze di HR Manager su come i collaboratori nelle organizzazioni affrontano le difficoltà di lavoro, tento una sintesi semi-quantitativa su alcuni elementi a mio parere caratteristici.

Circa il 20% delle persone, intervistate su come hanno affrontato difficoltà lavorative, non riescono/ hanno difficoltà a far uso di una Narrazione.  Questi collaboratori, malgrado vengano invitati a raccontare casi specifici su come, loro ed in quel preciso caso, hanno affrontato una difficoltà, non riescono a rammentarne alcuno (o con estrema difficoltà ed incertezza, dopo diversi minuti di riflessione).

Viceversa riescono, in modo del tutto istintivo, ad esporre “come si deve fare” (Teorizzazione). Ricetta che loro stessi assicurano di “seguire normalmente”.

Il non utilizzo dello strumento della Narrazione di casi concreti, diminuisce la loro capacità di dare un senso compiuto alle singole vicende difficili che hanno dovuto affrontare. In particolare non riuscendo a legare in modo sistematico fra loro:

  • Il flusso temporale, fra prima, durante e dopo;
  • I contributi che provengono dal loro "Io" (le loro emozioni), dal contesto e dallo/gli specifici eventi ostacolanti.

 

A titolo di esempio, fra chi non riesce ad usare la narrazione solo il 30% menziona le proprie emozioni come aspetto rilevante in gioco (descrivendo sia quanto “normalmente accade in quelle situazioni” sia la “ricetta che andrebbe adottata”). Invece le menziona il 60% di chi usa la narrazione come tecnica di rappresentazione degli eventi e della loro evoluzione.

Questa mancanza di riferimenti alle emozioni  appare del tutto singolare, se si considera che in genere  le situazioni di ostacolo persistente sono fonte sistematica di sentimenti negativi. Frustrazione, nervosismo, ira, colpevolizzazione (altrui, e meno di sovente propria), senso di inadeguatezza, ecc.

 

Ogni persona intervistata, che usi o meno la Narrazione, che menzioni o meno le proprie emozioni, fa sempre riferimento ad una propria “ricetta” (razionalizzazione dell’approccio “che di solito funziona”): quello che pensano sia efficace per affrontare le difficoltà ed in genere superarle, per non farsene travolgere. 

Queste ricette, nel 70% circa dei casi consistono in un solo fattore (Fattore di Resilienza). L’unicità del Fattore di Resilienza, che aiuterebbe a superare ostacoli persistenti in situazioni lavorative (e non solo), appare scarsamente credibile, considerando la molteplicità dei fattori in gioco e delle situazioni di difficoltà.

Emerge il dubbio di quanto siano effettivamente ponderate queste “ricette” di Resilienza, a fronte delle reali esperienze affrontate.

In effetti, se analizziamo il circa 30% dei casi in cui la “ricetta” è costituita da due o più Fattori di Resilienza, possiamo notare che per circa il 90% sono di persone che fanno uso sia della narrazione sia della evidenziazione dei fattori emotivi. Quindi da persone che con molta probabilità hanno effettivamente analizzato in dettaglio ogni esperienza particolarmente negativa in tema di lavoro.

Al contrario, fra coloro che o  non usano la narrazione o non menzionano le emozioni provate e l’effetto che hanno avuto sui loro comportamenti, meno del 10% basano le loro strategie di resilienza su due o più Fattori.

In Figura 1, la distribuzione dei Fattori di Resilienza emersi da circa un centinaio di interviste, da 5 anni a questa parte:

In questo campione, i primi 5 fattori sono risultati essere:

  • Fiducia nelle capacità possedute (gli eventi negativi e le emozioni negative non possono invalidare quello che so fare);
  • Convinzione che incontrare ostacoli è normale (accade, sono temporanei, Io ed i miei obiettivi persistiamo quando loro sono già passati);
  • Considerare importante l’obiettivo da raggiungere (voglio raggiungerlo, è importante per me farlo);
  • Contesto che mi supporta/ aiuta (opero in un contesto, sia di lavoro che di vita, che non mi fa sentire solo e soprattutto non mi ostacola nelle difficoltà);
  • Imparare dai fallimenti (accade di non riuscire, ma ancora più importante è capire come mai, per migliorare)

 

Credo sia importante notare che, sempre nel campione considerato, il 100% delle strategie di Resilienza costituite da due o più elementi contengono un mix di questo insieme dei primi 5 Fattori.

 

3. Affrontare un trauma

 

La letteratura (ad esempio Rif.3 e 4) conferma che, oltre alle capacità personali (generate da doti naturali, o dalla storia personale), la Resilienza con cui si può affrontare situazioni traumatiche è anche il prodotto di relazioni sociali supportive e più in generale della qualità del contesto, dell’ambiente di vita.

 

Relazioni - Alla resilienza del singolo contribuiscono i comportamenti di coloro con cui  ha a che fare. Che siano almeno in grado di comprendere da quale sconvolgimento è investita la sua soggettività (Empatia).  In questa dimensione, che si potrebbe chiamare “della relazione d’aiuto”, risiedono anche gli effetti contrari di mille piccoli comportamenti individuali che per disinteresse, cinismo, mancanza di rispetto, ecc. non colgono l’occasione di contribuire al supporto. Anche solo con un gesto, o uno sguardo di attenzione.

Contesto - è importante anche il contesto in senso più ampio, come elemento che va oltre la capacità/ possibilità di relazione diretta del singolo, per comprendere le sue dimensioni culturale (valori, credenze, modelli, comportamenti, ecc.) e sociale (supporti organizzati, comportamenti comunitari, ecc.).

 

La Resilienza in situazioni di crisi/ trauma è possibile poiché i vari “attori” del triangolo: Soggetto, Relazioni, Contesto intessono una rete, le cui maglie suddividono il carico dell’attenzione e potenziano lo stimolo/ supporto alla persona in difficoltà.

Del resto, sempre secondo la letteratura, l’efficacia di questa rete di stimolo/ supporto dipende anche dalle attività di prevenzione del singolo (qualunque tipo di Resilienza può essere tenuta in esercizio, ovvero accresciuta e rinforzata, come ben sanno le saggezze di tutte le epoche e le genti).

Per contenere i contraccolpi psicologici che ognuno di noi può subire, una prima serie di azioni preventive da mettere in atto è attivare e manutenere le maglie della rete di stimolo/ supporto con cui possiamo venire in contatto (“Il muro principale è quello del silenzio”, Rif.3, verso gli altri e con se stessi):

  • Relazioni esterne – Selezionare e tenere vive, attive ed efficaci le relazioni interpersonali che ci possono dare più valore emotivo, soprattutto in caso di difficoltà (amicizie, affetti, …);
  • Relazioni interne - Tenersi in contatto con le proprie emozioni. Riconoscerle quando si manifestano, viverle, dare loro un senso (senso per Sé stessi);
  • Contesto - Continuo confronto  col contesto, per cercare di stimare cosa può succederci e per individuare/ saper attivare quegli ambiti di valore (comunità,associazioni, servizi, …) che possono esserci di aiuto.

 

Il secondo tipo di azione preventiva da mettere in atto è acquisire consapevolezza pragmatica che nulla di ciò che ci siamo duramente conquistati è garantito per sempre. La salute, un affetto, un lavoro, uno status sociale, un progetto per il futuro dei nostri cari, sono tutti beni fragilissimi che, col minimo di ansie, dovremmo cominciare a considerare “in usufrutto temporaneo”. Certo, compito difficilissimo, in una società che su questi “valori” spinge a fondare l’identità ed il significato di una vita.

La psicoanalista Ana Rozenfeld, nel suo libro “ La Resilienza: una posizione soggettiva di fronte alle avversità” (Rif.3), cita lo scrittore brasiliano Fernando Sabino, quando dice che dovremmo sempre ricordarci che:

• Stiamo sempre iniziando;

• Siamo sempre in cammino;

• Prima di terminare, saremo sempre interrotti.

Ogni interruzione, in questa prospettiva, non è una” ingiusta barriera fra noi ed il futuro che ci spetta di diritto” (quello che avevamo desiderato sin lì). Piuttosto, è un ricominciare. Come abbiamo già fatto molte altre volte. Il futuro è sempre da re-inventarsi, e come sempre sarà un po’ diverso dal precedente.

 

Leggendo e ascoltando le narrazioni altrui, di come hanno superato (o meno) crisi passate, o ripercorrendo con la memoria quelle che noi stessi abbiamo vissuto, si nota un elemento sistematico. La differenza, fra chi è andato oltre e chi non c’è riuscito, consiste nel riuscire a trasformare in stimolo (energia positiva, motivazione) la difficoltà. Chi non supera il trauma è come se fosse bloccato da quella stessa energia, ma che opera su di lui con un segno negativo. 

Due elementi mi sembrano fondamentali per poter invertire il segno di quella energia (A.Rozenfeld dice: “Ristrutturare il trauma”). Elementi cui contribuiscono tanto le capacità personali quanto il supporto che si riceve dalle relazioni personali e dal contesto: 

  • la fiducia in sé stessi e nelle proprie capacità, che permangono malgrado le avversità;
  • la capacità di “accettare la perdita”, la sconfitta, la frustrazione della delusione, il dolore.

 

Quello che sapevo fare prima è ancora mio, non è contingente. Quello che ho perduto rimane nella memoria, ma non mi frena dall’andare oltre perché non può tornare. Con le potenzialità di sempre nel nostro patrimonio e con la genetica voglia di vivere non frenata (“ce la posso fare”), si può cominciare a percepire come sia possibile che una botta d’arresto possa fornire energia per riprenderci. Siamo sempre quel bambino che se cade si rialza e solo così impara a camminare e ad andare in bicicletta.

Questo non vuol dire “adattarsi”, farsela-andare-bene sempre e comunque. Come se a fondamento delle teorie sulla Resilienza ci fosse un assioma secondo il quale: “tutto ciò che accade va preso per buono, perché è la realtà” (estremizzando: “il migliore dei mondi possibili” del Candide di Voltaire).

Infatti, si può Essere Resilienti rispetto ad una situazione traumatica secondo i vari modi (Posizioni Soggettive, Rif.3) con cui si reagisce al danno subito, materiale e psichico. Le principali Posizioni Soggettive sono:

  • Rivendicativa – è la modalità di reazione che porta a comportamenti di lotta, reclamo, ricerca di giustizia, ecc. Purché in forma attiva. Ad esempio prendendo iniziative, anche aggregative. Dedicando tempo e risorse personali su un proprio progetto. Non solo azioni verbali, di auto compatimento, di improperio e così via, ché sono sempre forme espressive del blocco nello stato d’animo di vittima. Credo che in questo gruppo possano rientrare anche i progetti che mirano a mostrare agli altri e a se stessi di poter raggiungere nuovi obiettivi ambiziosi.
  • Riparatoria – è la modalità che porta ad adottare comportamenti solidaristici. Iniziative di aiuto, anche organizzato, che hanno lo scopo a beneficio di altri di evitare/ limitare il danno che noi abbiamo subito.
  • Creativa – è la modalità che porta a seguire percorsi in cui il trauma vissuto viene trasformato in una forma di espressività, come quella artistica o imprenditoriale.

 

Tutte queste Posizioni Soggettive sembrano essere processi tramite cui “il trauma viene strutturato” in un nuovo progetto di vita. Ovvero, modalità con cui, secondo le nostre risorse, storia, capacità, relazioni e contesto siamo capaci di far mutare “forma” all’ostacolo (il trauma), trasformandolo in opportunità: di “cambiare un pezzo di mondo attorno a noi” (Rivendicativa), aiutare gli altri (Riparatoria), esprimere in forme originali i nostri sentimenti e vissuti (Creativa).

Ogni trauma può essere visto come una situazione in cui vediamo il mondo e noi stessi in modo diverso. A seconda della Posizione Soggettiva che ci troviamo a ricoprire (non sempre si può controllare fino in fondo questa scelta), questa “diversa vista delle cose” porta a nuovi programmi di vita. 

Tutte reazioni e azioni concrete, con cui usciamo dallo status passivo e bloccato di vittima, di un Sé frammentato ed impotente. Che ci riportano in uno stato vitale attivo, recuperando un sentimento di efficacia personale (Rif.3 e 4).

 

4. Possibili spunti per un allenamento della Resilienza

Se proviamo ad allineare in una Tabella gli elementi che sembrano fondare la capacità di Essere Resilienti nei due casi, trovo una forte similarità e quindi alcune indicazioni (a mio parere) su cosa focalizzarmi come allenamento (colonna di destra).

 

Non c’è alcuna differenza nella Resilienza da mettere in campo nelle varie situazioni? Sostegno della Motivazione e superamento di un Trauma sono la stessa sfida? Sappiamo per esperienza personale che non è così.

La differenza sta nell’intensità e nell’ampiezza dell’effetto destabilizzante di un evento sulla nostra funzionalità come soggetto. Quindi nella difficoltà, nelle energie, nella persistenza degli sforzi da mettere in campo, applicando la nostra Resilienza, per ottenere dei risultati: il cambiamento di attitudine e comportamenti desiderato/ necessario

Questo sembra suggerire che un allenamento/ sviluppo della Resilienza debba essere un processo graduale in cui noi stessi curiamo maturazione/ miglioramento dei 5 elementi della colonna di destra nella Tabella. 

Maturazione che altro non sarebbe che un progressivo affinamento della coerenza fra:

  • il sentire chi siamo veramente e  cosa desideriamo;
  • la consapevolezza che abbiamo di ciò che ci circonda (persone, il tempo presente, forze e modelli che ci si propongono e che premono, ecc.);
  • le scelte che volontariamente facciamo per tenere la barra sulla nostra natura fra i marosi del mondo in cui già siamo stati destinati (hic et nunc). Ovvero che Testimonianza di noi stessi vogliamo dare attraverso la nostra vita (Rif.5).

Affrontare, senza manovre evasive e facili scuse,  il "limite in noi stessi" che la realtà non perde occasione di sottolineare. Osservare le nostre reazioni, senza minimizzarle e voltargli le spalle. Fatica, delusione, sconfitta, dolore ed altre emozioni sono segnali del limite con cui è naturale convivere, e lo si impara poco a poco frequentandoli come amici, forse un pò importuni, ma sono i soli con cui possiamo esplorare un poco più un là di quel limite

 

Domenico Famà, 09 Febbraio 2018

 

5. Risorse per approfondire

 

Rif.1    https://www.cipd.co.uk/knowledge/culture/well-being/resilience-guide

Rif.2    “Perseverare è umano. Come aumentare la motivazione e la resilienza negli individui e nelle organizzazioni. La lezione dello sport.”, P.Trabucchi, 2012, Corbaccio – Garzanti

Rif.3    “La Resilienza: una posizione soggettiva di fronte alle avversità. Una prospettiva psicoanalitica“, A,Rozenfeld, 2014, ed. Fratelli Frilli

Rif.4    “Resilienza – Andare oltre: trovare nuove rotte senza farsi spezzare dalle prove della vita”, S.Astori, 2017, ed San Paolo

Rif.5    “Del buon uso delle crisi”, C.Singer, 2011, ed. Servitium

Rif.6    “Effects of Externally Mediated Rewards on Intrinsic Motivation”, E.L.Deci, Journal of Personality and Social Psychology, nr. 18, 1971 https://www.researchgate.net/publication/232452540_The_Effects_of_Externally_Mediated_Rewards_on_Intrinsic_Motivation

Rif.7    “The Effects of Contingent and Noncontingent Rewards and Controls on Intrinsic Motivation”, E.L. Deci, Organizational Behavior and Human Performance, nr 8, 1972 http://selfdeterminationtheory.org/SDT/documents/1972_Deci_OBHP.pdf 

Rif.8    “Effects of extrinsic financial rewards on intrinsic motivation”, R.D.Pritchard et al., Journal of Applied Psychology, 62(1), 9-15, 1977 (http://psycnet.apa.org/record/1979-00317-001 )